L’aceto balsamico

Sciao bella, ti vengo a scrivere perchè me pare, e correggimi se sbajo che l’ultima volta hai preso d’aceto solo perchè me scappava da ride. Mo a parte che da oggi te chiamo balsamica per tutte le volte che piji de aceto, comunque te volevo spiegà non è che se rido vuol dire che sto a pijà per culo, si pure se lo so che sei alta un cazzo e un ipod, pure se parli come una mongoflettica, pure se te tiro le noccioline fai la caprioletta e me fai vedè il culo arrossato, insomma nonostante tutti sti motivi non vuol dire che te sto a pijà per culo, anzi te rispetto più di quanto tu pensi. Pure perchè se nun te rispettavo figurate tu se te parlavo ancora nonostante fai le pompe che sarebbe mejo fasse una pippa con la carta vetrata grana 120, se nun te rispettavo figurate se te lo appizzavo ar culo che è pià stretto dell’entrata de una lattina de 7up e soprattutto se nun te rispettavo manco ce pensavo a infilzatte nonostante la passera ferita e l’assorbente con le ali, tanto che ieri il micio me stava a guardà il pisello convinto che fosse un wuberone con ketchup e ce voleva mette sopra i crauti che m’ero preparato per cena. Perciò se me scappa da ride non è per pijatte per culo è che magari è uno sfogo nervoso per nun mannatte affanculo seduta stante. Mo se permetti me vado a fa un bidet con la coca cola che dice se ce lo lascio a mollo per una trentina de minuti me lo spurga per bene, visto che nun c’hai il sangue ma una vernice al quarzo al posto del mestruo. Con infinita stima e ammirazione, sciao bella.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *